latte materno
Foto di Daniel Lobo (Flickr)

Ormai è ben noto a tutti: il latte materno è l’alimento perfetto per il neonato e dove ve ne sia la possibilità, dovrebbe rappresentare la sua unica fonte di sostentamento almeno fino al compimento del sesto mese di vita.  Anche dopo i primi sei mesi inoltre, si consiglia di prolungare l’allattamento almeno fino ad un anno di età, ad integrazione delle prime pappe introdotte. Laddove vi sia la possibilità e l’intenzione, è consigliato l’allattamento anche oltre l’anno.

Ma perché è considerato l’alimento perfetto?
Il latte materno è un alimento unico, “vivo”, in grado di modificare la sua consistenza e composizione a seconda delle esigenze nutritive che il neonato può avere, non soltanto durante le varie fasi della sua vita, ma addirittura durante la stessa poppata.

In rferimento alle varie fasi di crescita, possiamo distinguere tre tipi di latte

  • Colostro
  • Latte di transizione
  • Latte maturo

Il colostro è il primo latte che viene prodotto, caratterizzato da un colore giallo oro e dalla consistenza densa. E’ un latte molto nutriente, ed è costituito specialmente da proteine, sali minerali ed anticorpi. La sua composizione iperproteica, permette al piccolo di riprendersi velocemente dalle fatiche del parto, mentre i sali minerali lo idratano per compersare la dispersione di liquidi che è causa, nei giorni successivi al parto, del famoso calo fisiologico ;  gli anticorpi infine,  proteggono il suo sistema immunitario ancora immaturo, dall’attacco di eventuali virus e batteri presenti normalmente nell’aria. Questo latte viene prodotto per pochi giorni, verso il quarto quinto giorno, con l’arrivo della montata lattea, il latte si modifica ed il colostro, viene sostituito dal latte di transizione.
Il latte di transizione ha una consistenza più liquida, di colore biancastro ed è ricco di zuccheri e lipidi, ma non è ancora il latte definitivo. Dopo qualche giorno infatti, il latte subisce una nuova variazione, assume una consistenza più corposa e si colora di un biano latte deciso. Ciò sta ad indicare che il latte è maturato, ovvero gli elementi che lo compongono si sono equilibrati, al fine di garantire al bambino l’apporto nutritivo ideale.
Il latte maturo prodotto però, non è sempre uguale, cambia la sua composizione nell’arco della stessa giornata e addirittura durante la stessa poppata.
Per esempio, il latte materno è molto più grasso e corposo la mattina, mentre la sera risulta più leggero (questo è uno dei motivi per cui i bambini allattati al seno si svegliano molto più di frequente la notte per mangiare).
All’inizio della poppata, il latte emesso sarà molto simile al latte di transizione,ed ha lo scopo di dissetare il piccolo, dopo alcuni minuti invece, si fa più grasso ed è il latte che nutre.

Alcune curiosità…sfatiamo i luoghi comuni!
Se dopo le prime settimane di allattamento il vostro seno si ammorbidisce e smette di perder latte, NON VUOL DIRE ASSOLUTAMENTE che non avete più latte!! Semplicemente, le prime settimane il corpo deve calibrare la produzione del latte in base alla richiesta del bambino  ed ha bisogno di un periodo di assestamento. Nel  momento in cui la produzione di latte si sarà assestata su quella che è la  richiesta precisa del piccolo, il seno si ammorbidirà, riassumendo il suo normale aspetto.

Inoltre considerate che, del latte necessario per la poppata, soltanto il 30% è contenuto nel seno, il restante 70%  viene prodotto al momento, durate la suzione ed è quello più grasso e digeribile.

Non dovete considerare il seno come un contenitore, perché non lo è affatto; consideratelo invece come una macchina perfetta, guidata da una ghiandola (la ghiandola mammaria)   in grado di produrre latte. Quanto maggiore sarà la stimolazione di questa ghiandola  tanto maggiore sarà la nostra produzione di latte. L’impulso a cui risponde la ghiandola mammaria è soltanto uno: la suzione del bambino!
Il latte di mamma è SEMPRE l’alimento ideale per  i nostri cuccioli! Non esiste il latte materno LEGGERO, se la mamma segue un’alimentazione corretta e completa, la composizione del latte materno è sempre quella ideale per il nostro piccolo.
Proprio in virtù della capacità del latte di cambiare consistenza, non è consigliabile affidarsi alla bilancia per verificare la quantità di latte ingerita dal piccolo.
130gr. di latte materno preso al mattino infatti, possono valere quanto 200 gr. di latte materno preso la sera; è la consistenza che è diversa. La garanzia che la quantità di latte sia quella giusta, ce la da il fatto che il bambino sia vitale e che dorma il giusto: ne troppo ne troppo poco e soprattutto, deve bagnare almeno 6 pannolini al giorno. L’aumento di peso invece, dovrebbe essere controllato e valutato  una volta a settimana, possibilmente utilizzando sempre la stessa bilancia. Un aumento ponderale equilibrato, prevede un incremento di 100-200 gr. settimanali per i primi sei mesi di vita  e di 85-140gr. a settimana nei successivi sei mesi.

Si consideri che, durante le varie frasi di crescita i bambini attraversano anche delle fasi di fermo in cui non aumentano di peso, questo può durare anche alcuni mesi ed è del tutto normale.

Ti è piaciuto questo articolo? Ne sono felice, segui la pagina ufficiale di Gioie di Mamma su Facebook e non perderti le prossime news. Ti aspetto!

 

Commenti