Il concepimento di un bambino, dovrebbe essere l’atto più naturale che esiste. In fondo il nostro corpo è dotato di organi preposti alla riproduzione: le ovaie contengono i follicoli, le tube servono per permettere all’ovulo di giungere in utero; l’utero stesso ha la funzione di accogliere l’ovulo fecondato ed è addirittura in grado di modificare la propria forma e struttura in base all’avanzamento della gravidanza. Allo stesso modo l’apparato genitale maschile produce gli spermatozoi: piccole entità che hanno il preciso fine di fecondare la cellula uovo e creare una nuova vita. Per cui nel momento in cui una coppia decide di concepire un figlio, si pensa che non ci sia nulla di più semplice, Madre Natura ci ha dotato di tutto il necessario, basta soltanto volerlo!

Alcune volte la realtà rispecchia totalmente il nostro pensiero, altre volte invece, ci si rende  conto che, nostro malgrado, l’atto più naturale del mondo può diventare anche il più complicato, mai si immaginerebbe che ci possano volere anche anni ed anni di tentativi prima di riuscire a concepire un figlio.
Purtroppo il corpo umano, per quanto possa essere una macchina perfetta, a volte si inceppa.

Cosa si intende per infertilità
Con il termine infertilità, si intende la difficoltà a proceare naturalmente. Solitamente si
rientra in un caso di infertilità dopo 15-18 mesi di tentativi naturali falliti e dopo questo arco di tempo, si comincia l’iter per accertare le possibili cause dell’infertilità.

Quali sono le possibili cause di infertilità.
Le cause della difficoltà di concepimento, possono essere svariate, volendo raggrupparle, si possono identificare quattro categorie di problemi:

  • Difficoltà riconducibili all’uomo;
  • Difficoltà riconducibili alla donna;
  • Difficoltà riconducibili alla coppia;
  • Problematiche sine causa.

Nella prima categoria, rientrano tutte le situazioni difficili riconducibili a problematiche maschili. Queste solitamente sono relative a problemi morfologici o strutturali degli spermatozoi:

  • oligospermia: scarso numero di spermatozoi vitali
  • teratospermia: maggior numero di spermatozooi deformi:la deformità può riguardare la coda,il collo o la testa.
  • azoospermia: assoluta assenza di spermatozoi vitali.

L’oligo spermia può essere causata da uno stile di vita troppo sedentario, dall’abuso di alcool o dal consumo eccessivo di sigarette. oppure dalla presenza del varicocele: ossia dalla formazione di vene varicose che compaiono all’altezza dello scroto compromettendo il buon funzionamento dei testicoli.
Per ritrovare le cause della azoospermia invece, si deve ripercorrere la vita passata dell’uomo per trovarne le cause. Tra le motivazioni pià diffuse troviamo: una mancata discesa dei testicoli all’interno dello scroto (testicolo ritenuto ossia criptorchidismo), affezione, da malattia sessualmente trasmissibili (clamidia, gonorrea ecc.), parotite contratta in età adulta.
Per quanto concerne infine la teratozoospermia, le cause devono essere ricercate con l’ausilio di un andrologo, spesso però sono riconducibili a problemi genetici.

Tra i problemi riscontrabili in una donna:

  • problemi alle ovaie
  • non pervietà ovvero ostruzioni delle tube
  • problemi della tiroide

Nella prima fattispecie rientrano tutti quei casi di infertilità imputabili ad un malfunzionamento delle ovaie come l’ovaio policistico. Questa patologia, consiste in un malfunzionamento delle ovaie che appaiono  più grandi del normale e che, invece di selezionare mensilmente un ovulo e portarlo a maturazione,
generano la formazione di molti follicoli, ma di questi nessuno  giunge a maturazione ed ha come conseguenza la formazione di piccole cisti ovariche. Una delle ripercussioni sulla fertilità, è  la presenza di molti cicli anovulatori,un ciclo molto irregolare (possono passare molti mesi tra una mestruazione e l’altra, la donna solitamente è in sovrappeso ed ha solitamente una peluria molto pronunciata.Le cause della sindrome dell’ovaio policistico solitamente sono ereditarie.
I problemi riguardanti le tube invece, sono solitamente riconducibili ad anomalie strutturali delle stesse. Le tube sono dei condotti preposti al trasporto dell’ovulo fecondato dall’ovaio all’utero; sono quindi fondamentali per l’inizio di una gravidanza. Normalmente, queste sono pervie, ossia transitabili, a volte però il loro accesso è impedito da ostruzioni più o meno importanti che possono quindi pregiudicare il viaggio dell’ovulo verso l’utero.

Anche la tiroide svolge un ruolo fondamentale nella capacità riproduttiva femminile. Le disfunzioni tiroidee sono di due specie:

  • ipotiroidismo
  • ipertiroidismo

Nel primo caso si ha un rallentantamento di tutti i processi metabolici, e ciò vale anche per i processi ormonali che accocmpagnano l’ovulazione. Nello specifico, l’ipotiroidismo genera un aumento dell’ormone FSH (presente in elevate quantità nelle donne in menopausa) e tale aumento ha come causa l’inibizione dell’ovulazione.
L’ipertiroidismo invece ha come conseguenza un aumento dei processi metabolici e, non sembra dare problemi dal punti di vista della fertilità.

In conclusione, si può affermare che, le cause di infertilità sono, in linea generale sono legate a carenze o disfunzioni ormonali; tali carenze e disfunzioni quindi, vanno analizzate con l’ausilio di un ginecologo o di un andrologo ed eseguendo specifiche analisi.

Per quanto concerne i problemi legati alla coppia, questi sono casi piuttosto rari, e sono caratterizzati da una vera e propria incompatibilità tra i coniugi. Tale incompatibilità, fa sì che lo spermatozoo dell’uomo, non potrà mai fecondare l’ovulo della donna ed in questo caso purtroppo non vi è rimedio.

Nella quarta categoria infine, si racchiudono tutti quei casi di infertilità che non hanno una causa scientificamente accertata.Ovviamente questa è la situazione più difficile da gestire, in quanto, non conoscendo  le cause poste all’origine del problema, non si sa come intervenire.

Ti è piaciuto questo articolo? Ne sono felice, segui la pagina ufficiale di Gioie di Mamma su Facebook e non perderti le prossime news. Ti aspetto!

 

Commenti