Cambiare il pannolino ai bambiniCambiare il pannolino ai bambini: i trucchi della mamma

La vita da mamma non è per niente semplice. Ogni giorno si percorrono sentieri nuovi e spesso si fanno i conti con difficoltà fino a quel momento del tutto sconosciute.

Il cambio del pannolino è una delle prime prove con cui ogni neo mamma si trova a fare i conti. Man mano che il bambino cresce la sfida si fa sempre più ardua e richiede lo studio di nuove strategie.

Cambiare il pannolino al neonato: i trucchi di mamma

Nei primi mesi di vita il problema principale è capire bene l’intervallo di tempo che deve intercorrere tra un cambio e l’altro.

Spesso mi è capitato di cambiare il pannolino quando era ormai troppo tardi e quindi il danno era fatto.

Altre volte l’ho cambiato troppo presto ed ho gettato via pannolini praticamente vuoti.

Non di rado, infine, mi è capitato di cambiarlo poco prima del bisogno fisiologico e ho dovuto irrimediabilmente ricominciare dall’inizio.

Per uscire da questo circolo vizioso fatto di cambi e ricambi, ho dovuto mettere a punto un vero e proprio piano di difesa!

Ho cercato di comprendere i tempi fisiologici del piccolo e ho realizzato una specie di tabella in cui per alcuni giorni ho segnato gli orari “x” per il cambio pupù. Per i cambi pipì, mi sono regolata di conseguenza, programmandoli a circa 3 ore l’uno dall’altro.

È stata una sfida ardua, ma non la più difficoltosa.

Le vere “difficoltà” per me sono iniziate quando il piccolo aveva poco più di 4 mesi.

Questo è il periodo in cui i bambini scoprono quanto sia bello girarsi a pancia in giù (farlo durante il cambio poi deve essere un vero spasso) e lui lo faceva di continuo.

Anche in questo caso ho dovuto fare le mie esperienze e dopo vari tentativi ho trovato la mia strategia vincente.

Come cambiare il pannolino se il bambino si gira!

Iniziare sdraiando il bambino supino sul fasciatoio e distrarlo con un giochino che lui gradisce (il mio, per esempio, adorava il tubetto della crema protettiva).

Interagire con lui qualche istante, giusto il tempo necessario a fargli dimenticare il motivo per cui si trova sdraiato lì :).

Canticchiare qualche canzoncina mentre si da inizio all’operazione del cambio vi aiuterà a mantenere il contatto visivo con il piccolo. VI consiglio di tenere tutto a portata di mano perché dovrete essere abbastanza veloci.

Nella maggior parte dei casi, una piccola distrazione è sufficiente a portare a termine l’operazione senza troppi problemi.

Se il bambino invece è particolarmente vivace, allora vi consiglio di seguire il piano d’emergenza .

Cambiare il pannolino al bambino: il piano d’emergenza

Posizionate il pannolino sotto al bambino.

Posate delicatamente una mano sul torace. L’avambraccio si abbassa leggermente per impedire la torsione del busto, mentre l’altra mano solleva la parte anteriore del pannolino.

Portate il gomito in posizione orizzontale rispetto al busto del bambino, la mano posta sul torace, scende fino a prendere la fascia frontale del pannolino e la tende facendola aderire al fianco per facilitare la chiusura delle bande laterali.

Fissate le bande adesive, controllate sempre di aver chiuso il pannolino nel modo giusto, non deve essere né troppo largo né troppo stretto.

Non è una passeggiata ma si sa, per le mamme le difficoltà non finiscono mai!

Per fortuna ci sono aziende specializzate nella produzione di articoli per l’infanzia che ogni giorno s’impegnano per semplificarci la vita.

La nuova linea di pannolini Huggies, per esempio, è stata pensata proprio per rendere meno difficoltoso il cambio del pannolino.

Tra i prodotti più innovativi della linea Huggies troviamo:

  • Huggies Bebè;
  •  Huggies Bimbo – Bimba.

 

Huggies Bebè

Cambiare il pannolino ai bambini

Con interni morbidi e traspiranti, questo pannolino è stato pensato per consentire ai neo-genitori di affrontare con serenità i primi mesi di vita del neonato.

L’innovativo sistema Pupù-Stop trattiene la pupù liquida evitandone la fuoriuscita e protegge la pelle del neonato intrappolando le feci all’interno di una speciale barriera posizionata sulla parte posteriore del pannolino.

Oltre a garantire la massima assorbenza, questo nuovo pannolino si adatta facilmente alla corporatura del bambino, assicurandogli la massima libertà di movimento.

Anche le fuoriuscite di pipì non sono più un problema!

Sul fronte del pannolino, infatti, ci sono due lineette che cambiano colore quando è giunto il momento del cambio.

Massimo comfort, minimo spreco e protezione totale. Fantastico no?

Huggies Bimbo – Bimba

Cambiare il pannolino ai bambini

Cambiare il pannolino ai bambiniHuggies Bimbo e-Bimba sono i pannolini che possono essere utilizzati a partire dai 3 mesi di vita. Seguono i bambini in ogni fase di crescita, anche nel momento in cui iniziano a muovere i primi passi.

Lo strato assorbente è collocato in zone differenti (più avanti per i maschietti e più al centro per le bambine) per assicurare una maggiore assorbenza proprio lì dove ce n’è più bisogno. L’estetica è davvero irresistibile ed è impreziosita con le immagini dei personaggi Disney più amati dai bambini(Minnie per Huggies Bimba e Topolino per Huggies Bimbo).

A me avrebbe fatto davvero comodo un pannolino così. Avrei sicuramente risparmiato tanto tempo e tanti soldi!

Cambiare il pannolino ai bambiniCambiare il pannolino ai bambini

E voi, come vi regolate per il cambio del pannolino?

 

Avete delle strategie? Raccontatemele tra i commenti. Vi aspetto!

Articolo Sponsorizzato

Commenti