omeopatia per bambiniOggi affrontiamo un tema piuttosto sentito dalle mamme: l’omeopatia per bambini.

Curare i bambini con l’omeopatia è per molte mamme una consuetudine, altre invece guardano con diffidenza ai rimedi omeopatici e non vi ripongono alcuna fiducia.

Pur avendo personalmente provato alcuni rimedi omeopatici per curare i malanni di stagione dei miei figli, non è tuttavia mia intenzione entrare nel merito della diatriba.

Mi pongo quindi nel mezzo, esattamente tra le due fazioni e mi limito a fornirvi alcune interessanti informazioni riguardanti l’utilizzo dell’omeopatia per bambini e per adulti.

Come funziona il prodotto omeopatico

Prima di tutto è bene precisare che l’omeopatia non debella il virus o il batterio che ha provocato la patologia ma sprona il sistema immunitario a rispondere con il suo naturale meccanismo di difesa.

Non assolve alla funzione di combattere la patologia, bensì potremmo affermare che sposa la teoria del “chiodo schiaccia chiodo”.

In buona sostanza cura il malanno (che sia di natura influenzale o allergologica) immettendo nell’organismo dei principi attivi naturali che, se assunti in grandi quantità scatenerebbero la sintomatologia tipica del malanno stesso mentre nel prodotto omeopatico, essendo contemplati in piccolissime quantità e debitamente diluiti, stimolano la risposta immunitaria del paziente, senza per questo pregiudicare il suo stato di salute.

Il principio attivo che dovrà generare la risposta immunitaria quindi viene diluito al fine di garantirne la presenza nel prodotto in minuscole quantità, quel tanto che basta per ottenere una valida risposta difensiva da parte del sistema immunitario.

Il mito dell’effetto placebo

Alla base dei principali pregiudizi nei confronti dell’omeopatia, si pone la consolidata convinzione che, i prodotti omeopatici funzionino esclusivamente nei soggetti che credono fermamente nella loro efficacia. In tal senso, credo che, a prescindere dal fatto che si riponga o meno fiducia nelle cure omeopatiche, sia bene specificare che l’omeopatia racchiude al suo interno, una serie di terapie che, proponendosi come validi surrogati dei tradizionali percorsi terapeutici, seguono precise regole di somministrazione e di utilizzo.

Tuttavia, nonostante le più o meno consolidate diffidenze, è innegabile che i rimedi proposti  dallo specifico settore dell’omeopatia per bambini spesso e volentieri colpiscono nel segno e, seppur lentamente, provocano la tanto sperata risposta immunitaria

Ma veniamo a noi e vediamo perché l’omeopatia per bambini risulta essere spesso il rimedio ideale.

Prima di tutto i prodotti omeopatici hanno una base naturale, per cui possono essere somministrati sin dalla tenera età.

In secondo luogo la risposta immunitaria del bambino è molto più celere rispetto a quella di un adulto. A differenza delle persone grandi infatti, i bambini non sono avvezzi all’utilizzo di medicinali e questo li rende maggiormente sensibili agli stimoli lanciati dal prodotto omeopatico.

In ultima analisi infine,la ragione per cui l’omeopatia per bambini è spesso consigliata in ambito pediatrico consiste nel fatto che, la medicina tradizionale  cura la patologia che colpisce un determinato apparato, debellando l’agente patogeno. Ma secondo gli omeopati, i nostri apparati (respiratorio, uditivo, digerente) sono tutti connessi tra loro.

Sopprimendo un meccanismo di difesa posto in essere in uno di questi e teso ad espellere l’ospite indesiderato, quindi si otterrà un effetto rimbalzo che spingerà l’organismo a cercare di espellere l’agente patogeno da un altro apparato.

Questo fenomeno inoltre, oltre a favorire la ricomparsa del problema sotto altra forma, potrebbe anche esporre il soggetto all’insorgere di problematiche di salute via via sempre più serie.

Omeopatia per bambini: no al fai da te

Come già accennato, l’omeopatia è una tecnica di terapia alternativa che può dare grandi risultati, specialmente nella cura di problemi come il raffreddore nei bambini.

Ma come ogni tecnica terapeutica ha le sue dosi e, oltre a rispondere con prodotti diversi alle differenti patologie, spesso la cura cambia da soggetto a soggetto.

Per cui, se avete deciso di intraprendere la strada terapeutica provando a risolvere il problema con una cura omeopatica per bambini, dovrete preventivamente fissare un appuntamento con un pediatra omeopatico. Soltanto questo professionista infatti, potrà indicarvi il giusto percorso da seguire.

Omeopatia per bambini o medicina tradizionale?

Questa domanda affaccia su di un terreno molto combattuto. Il mio parere personale (e qui mi esprimo) tende a prediligere la giusta moderazione e a fidarsi dei pediatri. Il giusto connubio tra le due metodologie terapeutiche consiste nell’affidare il proprio bambino alle cure di un pediatra omeopata. Lui saprà guidarvi, indicandovi quando e fin dove è possibile tentare con la cura omeopatica e quando invece si rende necessario intervenire con una terapia fornita dalla medicina tradizionale.

E voi avete mai usato un prodotto omeopatico per curare un malanno del vostro piccolo? Come vi siete trovate? Raccontateci la vostra esperienza, aspettiamo i vostri commenti!

Ti è piaciuto questo articolo? Ne sono felice, segui la pagina ufficiale di Gioie di Mamma su Facebook e non perderti le prossime news. Ti aspetto!

 

Commenti