spese mensa scolastica detraibiliDetrazione spese  mensa scolastica 2016  dalla dichiarazione dei redditi 2016 (modello Unico e 730)?  

A partire dalla dichiarazione dei redditi da presentare nel 2016, (quindi redditi 2015) sarà ammessa! 

L ’Agenzia delle Entrate ha pubblicato  la circolare n. 3/E del 2 marzo 2016 in cui dichiara ammissibile la detrazione delle spese per la mensa scolastica dalla dichiarazione dei redditi 2016. 

Questa novità trova fondamento nelle modifiche apportate dal Decreto La Buona Scuola e dalla Legge di Stabilità 2016.

Modifiche che hanno determinato la rilettura dell’art.15 comma 1 lettera E  e la sua integrazione con la nuova lettera E-bis.

In particolar modo è stata fatta una distinzione tra:

la lettera E, che prima forniva disposizioni sulla detraibilità di tutte le spese scolastiche, mentre  ora tratta esclusivamente  le detrazioni riferite alle spese universitarie;

la nuova lettera E-bis, che  disciplina le detrazioni delle spese d’istruzione riferite alla scuola dell’infanzia, alla primaria e alla secondaria di primo e secondo grado.

Secondo quanto precisato dall’Agenzia delle Entrate, per effetto dell’introduzione di questa nuova lettera, sono considerate detraibili anche le tasse d’iscrizione e di frequenza alla scuola (sia privata che paritaria e pubblica). Un’opportunità che prima non era possibile sfruttare per la scuola dell’obbligo.

Le spese per la mensa scolastica, invece, trovano posto nella voce dedicata alle “altre erogazioni liberali”.

Non è stata prevista invece alcun tipo di detrazione per quanto concerne le spese riferite all’acquisto del materiale didattico per le scuole secondarie di primo e secondo grado (libri, cancelleria ecc.. ).

Detrazione spese mensa scolastica 2016: in che misura?

La detrazione riconosciuta è pari al 19%, potrà essere applicata su di un importo annuo non maggiore di 400 euro per alunno a.

La detrazione massima riconosciuta su base annua per ciascun alunno  quindi, sarà pari a 76 euro   e sarà possibile usufruirne per ogni tipo di scuola: dalla materna alla secondaria di secondo grado.

Non è un importo altissimo, lo sappiamo tutti, ma come si dice: in tempo di crisi, tutto fa brodo!

Per usufruire della detrazione dovrete consegnare al vostro commercialista le ricevute di pagamento, unitamente a tutta la documentazione necessaria per fare la dichiarazione dei redditi. Per cui mi raccomando, conservatele! 😉

Qui potete scaricare o stampare la circolare dell’Agenzia delle Entrate n.3/E del 2 marzo 2016 .

A pagina 26 sono citate espressamente le spese per la mensa scolastica.

Ti è piaciuto questo articolo? Metti un LIKE alla pagina Facebook @GioiediMamma e non perderti i prossimi aggiornamenti! 🙂

Commenti